Calendario Eventi

Ultimo mese Giugno 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2 3 4
week 23 5 6 7 8 9 10 11
week 24 12 13 14 15 16 17 18
week 25 19 20 21 22 23 24 25
week 26 26 27 28 29 30

Login




Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
L'angolo della poesia PDF Stampa E-mail
Scritto da Cristian   
Mercoledì 10 Marzo 2010 21:07

Mi è stata girata questa poesia da un socio del club (ciao Adriano! Occhiolino), la pubblico volentieri perché oltre ad essere molto bella è scritta in dialetto piacentino e parla del nostro amato fiume: il Po.

'L PO IL PO
Quand dai nos mont guardomma zô in dal pian,

chi gioran che la nebbia an quatta gnint,

as vedda ‘l nostar Po lontan lontan

ca ‘l sa dasteida cme un bindell d’argint

E quand gnôm a Piaseinza,an s’ pöl restà

D’andâ fa quattar pass in sal so pont,

cme bon fiö c’van a védd ‘l so papà,

a portàgh l’salüt di nostar mont.

E in sil riv bass,dov l’acqua è lè cla sfiora,

ghè i ‘om e il donn ch’is petnan tütt in snocc:

Patnev la testa bianca o negra o d’ora;

fev ‘l segn dla crôs e bagnev i’ occ!

E intant l’acqua la corra eternameint;

la speccia i pont,la speccia i piopp dil riv,

la speccia ‘lslo e il stéll dal firmameint,

i foir di camp dal ciel ch’en seimpar viv.

Ah! Càra ‘l nostar Po,fein che in dal mòr

G’aròm testa d’ pinsâgh e fià par dil,

fein che la Patria faga batt un cör,

fein che in dal còr a gh'è un fiorein d'april.
Quando dai nostri monti guardiamo giù nel piano,

nei giorni in cui la nebbia non copre niente,

si vede il nostro Po lontano lontano

che si stende come un nastro d'argento

E quando veniamo a Piacenza, non si può fare a meno

di andare a fare quattro passi sul suo ponte,

come buoni figli che vanno a vedere il loro padre,

a portargli i saluti dei nostri monti.

E sulle rive basse,dove l'acqua è lì che le sfiora

ci sono gli uomini e le donne che si pettinano in ginocchio

Pettinatevi la testa bianca o mora o bionda

fatevi il segno della croce e bagnatevi gli occhi!

E intanto l'acqua scorre eternamente:

rispecchia i ponti,rispecchia i pioppi delle rive,

rispecchia il sole e le stelle del firmamento,

che sono i fiori di campo, sempre vivi, del cielo

Ah! Caro il nostro Po, finche nel morire

avremo ancora la capacità di pensarlo e il fiato per dirlo

finche la Patria farà battere un cuore

finchè nel cuore ci sarà amore
Valente Faustini
Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Marzo 2010 21:59
 

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per migliorare l'utilizzo e l'evoluzione del sito.

Acconsento questo sito ad utilizzare i cookie.

EU Cookie Directive Module Information